Esclusiva TCF - Torres, Russu: "Scelta da mister Arca, posso imparare tanto"

Esclusiva TCF - Torres, Russu: "Scelta da mister Arca, posso imparare tanto"

22/05/2020 - 20:00


La Sassari Torres non vede l'ora di tornare ai fasti di qualche anno fa. Le rossoblù vantano il riconoscimento di squadra più titolata d'Italia ma al momento di questa interruzione del campionato si trovavano al secondo posto del girone C della Serie C.

In attesa delle decisioni su eventuali ripescaggi delle società con meriti sportivi evidenti, la Torres sta ricostruendo la sua risalita con in panchina un tecnico vincente e preparato come Arca ed una squadra che unisce esperienza a giovani di talento.

Tra queste giovani ce ne è una giovanissima. Chiara Russu. Quindici anni. Una bambina, ma con le idee chiarissime.

Mister Arca appena tornato sulla panchina sarda ha richiesto che questa attaccante venisse aggregata alla rosa della prima squadra. Ed il mister di talenti ne ha visti... Sentiamo quello che ci ha raccontato Chiara.

Ciao Chiara, prima di tutto raccontaci come è nata la tua passione per il calcio

"La mia passione per il calcio iniziò all'età di quattro anni, mia madre mi fece provare in una squadra del mio paese. Mi appassionai talmente tanto che decisi di continuare".

Mister Arca è un allenatore molto importante e che ha vinto tanto, sei contenta ti abbia portato subito in prima squadra?

"Il mister è un allenatore davvero importante e sono sicura di poter imparare davvero molto. Sono contentissima e spero nel mio piccolo di poter aiutare la squadra".

Qual’è il tuo ruolo e in cosa ti senti più brava?

"Gioco molto spesso da punta centrale e penso sia il ruolo dove posso rendere al meglio. Mi piace comunque molto giocare anche a centrocampo".

Hai avuto poco tempo per allenarti con le altre calciatrici più grandi ma hai già imparato qualcosa da loro?

"Ho avuto poco tempo è vero ma ho imparato che bisogna sempre essere concentrate e determinate in ogni allenamento. Oltre a questo anche che sbagliando si impara".

E ci mancherebbe che non possa imparare dagli sbagli una ragazzina di quindici anni. Chiara ha tutto il tempo del mondo per migliorare e, con il suo talento, fare del calcio la sua vita.

TCF - Jacopo Calamai (prima parte)