Commento TCF - Vince e passa la Juve ma il Pomigliano ci mette il cuore

13/01/2021 - 23:20


La Juventus si libera del Pomigliano nel terzo turno della fase a gironi di Coppa Italia ed accede ai quarti di finale. Rita Guarino cambia totalmente l'undici di partenza rispetto alla Final Four di Supercoppa Italiana e propone diverse giovani interessanti. Mister Esposito invece propone dall'inizio la formazione tipo granata ad eccezione del capitano Apicella sostituita da Riboldi.

Una sfida cominciata nel segno dell'equilibrio con la Juventus che prova ad organizzare la manovra grazie a Rosucci in posizione di play e Zamanian a galleggiare tra centrocampo ed attacco. Il Pomigliano, schierato con un 4-3-3, si difende con ordine con Schioppo a guidare, come sempre, la linea arretrata. La prima occasione capita sui piedi di Dodds, sul sinistro precisamente, ma la palla esce a lato debolmente. La seconda chance è sempre per il Pomigliano ed è una di quelle da non sbagliare: Lundorf appoggia a Tasselli in area di rigore ma il retropassaggio è corto, Manno ne approfitta e calcia, Tasselli è brava a respingere. La Juventus si sveglia e colpisce una traversa con Zamanian. Dodds è attiva sulla destra, Staskova fa la guerra con Kiamou e Schioppo. Dal nulla spunta Cernoia che scambia con Zamanian dal calcio d'angolo e una volta entrata in area mette in mezzo. Il suo cross diventa un tiro che si infila sotto la traversa. Siamo al 32' e la gara si apre. Dodds tenta di sinistro, Zamanian colpisce la seconda traversa di giornata. Il primo tempo va in archivio con il vantaggio bianconero, ma il Pomigliano l'ha disputato a viso aperto e con grande intensità.

Nel secondo tempo c'è spazio per Gama e Ippolito tra le fila bianconere e Miroballo per una positiva Manno nel Pomigliano. Al 52' arriva il raddoppio bianconero con Staskova che riceve una rimessa laterale di Lundorf e scarica un potente sinistro da pochi metri dopo essersi liberata della marcatura di Kiamou. Tra cambi e crampi la gara arriva al 67' quando Ippolito dai 16 metri disegna una traiettoria imprendibile per Balbi. Partita in ghiaccio con il Pomigliano che fa fatica a ripartire e ad affacciarsi nella metà campo avversaria. Il costante pressing bianconero viene ancora premiato con la quarta rete: Ippolito entra palla al piede in area e viene fermata da Schioppo in scivolata. Arriva Maria Alves che anticipa tutti e di prima segna un rigore in movimento. La reazione della formazione di casa non si fa attendere e si concretizza con la rete della bandiera di Pinna che fugge sul filo del fuorigioco e raccoglie un lancio di Miroballo. A tu per tu con Tasselli la numero 9 granata non sbaglia.  Ad un minuto dal recupero Staskova realizza la sua doppietta con un colpo di testa in anticipo su Kiamou.

I minuti di recupero non servono a far cambiare il risultato. Il 5 a 1 finale premia la Juventus con il passaggio del turno, ma premia anche il Pomigliano che nonostante il largo passivo finale, nel primo tempo ha giocato alla pari con la formazione di Rita Guarino. Non importa che in campo non ci fossero Bonansea e Girelli, le granata di mister Esposito sono scese in campo con il piglio giusto e con la giusta motivazione in una sfida dall'esito scontato vista la categoria di differenza tra le due squadre.

Marco Cicali