Esclusiva TCF - Coach Marini: "Ecco cosa mi aspetto dalle mie Sharks"

31/10/2019 - 21:20


TCF ha intervistato Marianna Marini, allenatrice dell'Orobica Calcio Bergamo. Le Sharks, sono ultime in classifica. Hanno raccolto un solo punto in quattro giornate e devono assolutamente trovare una vittoria. Marini è un ex giocatrice, difensore, è un mister giovane, classe '81, ha un palmares di tutto rispetto. Ha girato tanto, nella sua carriera da giocatrice, calcando campi dalla Serie D alla Serie A. Da due anni guida le bergamasche. Le abbiamo fatto qualche domanda sul campionato, sulle prossime avversarie. Sabato alle 12.30 infatti ospiteranno la Florentia San Gimignano. Uno scontro diretto a tutti gli effetti. Tre punti le toscane, uno solo per le ragazze dell'Orobica. Vincere e raccogliere più punti possibili è ciò che le Sharks devono fare.

-Mister, quali sono i sentimenti della sua squadra essendo ultimi in classifica?

"La squadra sta lavorando molto bene e non vede l'ora di poter tornare in campo per cancellare l'episodio di Empoli. La classifica non ci preoccupa perché ci sono molte squadre in pochi punti quindi gli equilibri possono cambiare completamente nel giro di 1 o 2 giornate."

-Come pensate di risalire la china?

"La cosa fondamentale è avere le idee chiare su come affrontare le varie avversarie e migliorare attraverso la consapevolezza del nostro gioco avendo a cuore la nostra identità. Questo porterà buoni frutti anche grazie all'apporto dei nuovi innesti."

-Quali squadre lotteranno per la salvezza?

"La classifica fa capire che la lotta per la salvezza quest'anno sarà molto più ampia e che ogni partita sarà uno scontro diretto, per lo meno fino alla fine del girone di ritorno. Noi dovremo dire la nostra nelle prossime quattro gare e fare più punti possibili."

-Da quali giocatrici si aspetta di più?

"Sicuramente dalle giocatrici che sono arrivate in estate, giovani come Zanoli, Mandelli e Salvi o più esperte come Pinna e Pilato, oltre che dalle due giocatrici arrivate dall'estero (Portillo e Sivakova). Mi aspetto che le giovani cresciute nel nostro vivaio che possono fare il salto di qualità, come Lonni, Cortesi e Visani, riescano ad avere la costanza giusta per ottenere grandi risultati. Dalle giocatrici ormai pilastri dell'Orobica, divenute sicurezze e che hanno un rendimento sempre molto alto in ogni situazione, quali Merli, Poeta, Brasi ecc. mi aspetto che proseguano con le prestazioni viste sinora stimolando le compagne al miglioramento in allenamento e nel percorso di consapevolezza quali giocatrici."

-Infine come vi state preparando alla sfida con la Florentia? Che partita si aspetta?

"La preparazione è meticolosa e riguarda molti aspetti di campo e non solo. Il lavoro settimanale dei singoli e della squadra è ciò che ci permette di credere in ciò che stiamo facendo aggiungendo ogni giorno particolari che faranno la differenza in positivo se trattati con la giusta dovizia."

Caterina Cerino