Mister Genovese e un'analisi sulla Fiorentina Women

Mister Genovese e un'analisi sulla Fiorentina Women

21/05/2020 - 19:05


Antonio Genovese, primo ed unico mister diversamente abile con patentino Professionista UEFA A del calcio italiano, ha redatto su Calcioinrosa un dettagliato approfondimento sulla Fiorentina Women's, analizzando il percorso e le caratteristiche della formazione viola. Ecco alcuni passaggi delle sue riflessioni:

"La Fiorentina Women's, prima squadra femminile legata ad una società professionista maschile, da subito è stata tra le protagoniste del campionato. Nella stagione 2016/2017 con l’accoppiata Fattori-Cincotta vince il primo Scudetto femminile del club gigliato e, dopo questo trofeo, sono da ricordare anche 2 Coppe Italia ed una Supercoppa Italiana. Una squadra sicuramente valida, quella di questa stagione, che al pari del Milan sta contendendo i trofei alla Juventus. A livello numerico, la rosa è ampia, composta da 27 elementi validi e molti di questi di caratura internazionale come Capitan Guagni e l’australiana De Vanna. In campionato a mio avviso per le viola nulla era ancora deciso. Inoltre anche in Coppa Italia la Fiorentina era in piena corsa avendo vinto per 2-1 al Brianteo l'andata dei Quarti di Finale col Milan. La squadra viola a parer mio, più di altre, si caratterizza per elementi in rosa di prestanza fisica non indifferente, cosa che a livello internazionale è molto importante oggigiorno".

"Iniziando con l'analizzare i portieri, la svedese Ohrstrom e Durante sono estremi difensori di sicuro affidamento e intercambiabili. La difesa ha elementi molto validi ed alcuni di caratura internazionale come ad esempio Guagni, per me in assoluto la migliore giocatrice del campionato italiano capace di giocare senza problemi da esterno basso o alto. Un’atleta che ha saputo dire no al Real Madrid per amore della maglia viola. Un rifiuto che la accosta ad un'altra leggenda viola: Giancarlo Antognoni. La francese Agard, la danese Arnth ex Arsenal, l’americana Cordia, la belga Philitjens e Tortelli sono le altre compagne di reparto di assoluto affidamento con esperienza internazionale".

"Proseguendo col centrocampo troviamo elementi di qualità e tecnica come Parisi, la tedesca Breitner, Adami, Mascarello e la giovanissima Morreale. Infine l’attacco, a parer mio molto valido e completo. Mauro è una garanzia, la scozzese Clelland pur variando leggermente la propria posizione rispetto ai tempi del Tavagnacco, se integra, garantisce un numero importante di reti. L’australiana De Vanna garantisce qualità, potenza e velocità alla squadra, Tatiana Bonetti è un "piccolo" bomber di razza e qualità che forse meriterebbe maggior spazio anche in Azzurro. La danese Thogersen e la spagnola Lazaro completano un reparto di qualità ed imprevedibilità. Per quanto riguarda le giovani, la società ne dispone di grande prospettiva, che fanno e faranno parlare di sè. Ne cito alcune: Fusini, Morreale, Monnecchi, Ripamonti e Pérez".

"Una menzione particolare voglio farla al Presidente Commisso che da subito ha sposato la causa del calcio femminile, operandosi per far sì che nulla manchi alla squadra. Compresa la sua presenza nelle gare casalinghe. Altra menzione la merita il tecnico Cincotta, con cui ho condiviso un percorso con College Life Italia, dove si dà la possibilità a giocatrici e studentesse meritevoli di andare a studiare in college americani grazie a borse di studio abbinando studio e divertimento".