La storia del calcio femminile italiano (parte terza)

La storia del calcio femminile italiano (parte terza)

20/05/2020 - 20:30


Terza parte della storia del calcio italiano femminile. Sul palcoscenico sale la mitica Carolina Morace.

L’ERA DI CAROLINA

Nel 1986 la Lazio beffa il Trani vincendo il campionato per un punto nonostante i 34 gol della solita Augustensen, la donna dei record. Carolina Morace, nel frattempo, è passata alla Lazio e a 23 anni, nel 1987, vince il titolo italiano contribuendo con ben 40 reti in una stagione. Nel 1988-89 a trionfare è invece il Giugliano Campari sulla Reggiana. Capocannoniere, tanto per cambiare, è ancora Morace con 26 reti, indossando la maglia della Lazio. Nel 1989 inizia l’era Reggiana con la bomber Morace che sposta gli equilibri indossando la maglia granata e realizzando ben 38 reti. Nel ’90 l’anno dei mondiali maschili in Italia ecco la conferma della Reggiana. Le emiliane si aggiudicano lo scudetto con ben 12 punti di vantaggio sulla Lazio.

Il 1991 è un anno fondamentale per il calcio femminile che inaugura il primo mondiale. Si gioca in Cina con gli Stati Uniti che battono 2 a 1 la Norvegia in finale. Nel 1991 cambia la formula  del campionato italiano con i play off per le prime cinque classificate. A vincere il torneo regolare è la Reggiana che approda direttamente in finale.  Nella gara conclusiva a Savignano sul Rubicone il 20 giugno 1992 il Milan vince ai calci di rigore dopo che la partita ha chiuso i tempi regolamentari sull’1 a 1. Merito ancora una volta di Carolina Morace che vince il settimo titolo con la maglia rossonera. Ma l’anno successivo la Reggiana si vendica e nonostante le 33 reti della solita implacabile Carolina vince il campionato con tre punti di vantaggio.

PROSEGUE IL PREDOMINIO DI CAROLINA

Tra il 1993 e il 2013 la Sassari Torres vince sette campionati italiani. Nel 1993 la Reggiana non si può iscrivere alla massima serie per problemi finanziari. Ne approfitta subito la Torres con la bomber Morace appena acquistata che segna 33 gol. Angela Parejo bomber spagnola in forza alle isolane realizza altri 30 gol. Numeri da paura. L’anno successivo il titolo va all’Aglianese che ha appena acquistato la bomber Morace che segna 31 reti, Patrizia Sberti ne realizza 30 e la Parejo 23. Un tridente da scudetto. Carolina si trasferisce a Verona. Chi vincerà lo scudetto? Ovviamente le gialloblù con 39 reti della bomber della Nazionale e 10 punti di vantaggio sull’Aglianese. Nel frattempo al mondiale in Svezia la Norvegia batte 2 a 0 la Germania e vince la prima coppa del Mondo. Nel ‘96 e nel ’97 ecco i titoli del Modena che acquista Morace che segna 47 reti nel ’96 e 41 l’anno successivo regalando il doppio successo alle emiliane. Nel 1997 viene creata a Divisione Calcio Femminile della Lega Nazionale dilettanti che elegge presidentessa Natalia Cerasio Levati avvocato di Monza che terrà la carica fino al 2009. Nel 1998 a trionfare è il Milan con un punto in più della Torres. Capocannoniere l’emergente Patrizia Panico con 51 reti. Nel 1999 seconda vittoria degli Usa in Coppa del Mondo. Le americane battono la Cina ai calci di rigore.

(3 – segue)