Napoli, Di Criscio: "Salto in A tosto. Nazionale? Dal Ct nessuna motivazione"

Napoli, Di Criscio: "Salto in A tosto. Nazionale? Dal Ct nessuna motivazione"

30/07/2020 - 19:10


Federica Di Criscio, difensore del Napoli, ha rilasciato una lunga intervista a LFootball. La ragazza ha affrontato una moltitudine di temi, dal suo approdo a Napoli, al professionismo, non rinunciando a togliersi qualche sassolino dalla scarpa nei confronti di Milena Bertolini. Queste le sue dichiarazioni:

"Sia il presidente che lo staff hanno tanta voglia di fare e di investire. C’è tanto entusiasmo. C’è molto da lavorare, ma la grande volontà è una delle cose che va a loro favore per crescere. A livello di campo è ancora presto per dare un obiettivo preciso. Fare lo step dalla Serie B alla Serie A non è un processo facile e immediato".

"La ripresa?Credo che il calcio femminile non fosse pronto. Tante società avrebbero potuto farlo, tipo Juve, Roma, Milan, Inter, ma tante altre no. Finché non c’è questa uguaglianza è stato giusto così. Corretto assegnare lo scudetto alla Juventus perché aveva dimostrato sul campo di essere la più forte fino a quel momento".

"La prospettiva del professionismo nel 2021/22 non mi sembra una cosa realistica. Credo che la volontà ci sia davvero perché sono state fatte tante lotte, ma bisogna anche sapere che devono cambiare tante cose. Magari anche più aiuti da parte della Federazione alle società che al momento non ce la fanno".

"Nazionale? Questo è un tasto dolente. Da parte mia ovviamente mi piacerebbe tornarci, penso sia un sogno di tutti quelli che iniziano a giocare a calcio. Io però da Bertolini non ho mai avuto delle motivazioni e non sono mai riuscita a parlare con lei, quindi non so neanche perché non mi abbia più chiamato".