Esclusiva TCF - Giulia Bursi: "Io, Maldini, Guagni e la passione di Becagli"

15/10/2020 - 06:45


E’ una delle protagoniste della ripartenza della Florentia San Gimignano. Giulia Bursi si è raccontata a Tutto Calcio Femminile.

Nel tuo albo d’oro ci sono la promozione in Serie B con la Reggiana e in Serie A con Sassuolo, cosa ricordi di quelle vittorie?

"Sia la promozione in Serie B che in Serie A hanno un valore speciale per me. La promozione in Serie B con la Reggiana è stato il risultato di tanto sacrificio da parte di una squadra che per me è stata una vera famiglia. La promozione in Serie A raggiunta con il Sassuolo rappresenta il coronamento di un sogno".

Al Sassuolo, un’esperienza luci e ombre. Cosa ti porti dietro?

"Al Sassuolo sono cresciuta sia come persona, che come calciatrice. È normale avere momenti belli e momenti difficili, ma penso faccia tutto parte del processo di crescita. I ricordi più belli sono la promozione in Serie A e la salvezza raggiunta l’anno dopo".

Perché hai scelto la Florentia?

"A volte il cambiamento è inevitabile, abbiamo bisogno di intraprendere nuove strade per arricchirci e continuare a crescere. Ho scelto la Florentia perché mi ha colpito il progetto della società e il percorso che avrebbero voluto fare con me".

Cosa ti colpisce della società di patron Becagli?

"Fin da subito mi ha colpito quanta passione e quanta serietà il Presidente Becagli e tutta la società mettano nel loro lavoro per non farci mancare niente".

Quali sono i tuoi modelli calcistici al maschile e al femminile?

"Fin da piccola ho sempre adorato Paolo Maldini. Come calciatrice invece ammiro molto Alia Guagni. Ho anche la fortuna di avere due figure importanti del calcio femminile, come Tona e Domenichetti, ogni giorno al campo. Che ci regalano consigli preziosi".

TCF (1 – segue)