Esclusiva TCF - Crotone, Ortolini: "Abbinavo le ragazze alla danza e non al calcio, ma sbagliavo"

16/10/2020 - 08:35


Non è partito bene il Crotone Women. "Abbiamo perso contro l’Apulia Trani ma abbiamo avuto noi l’occasione per passare in vantaggio. Una palla che avrebbe cambiato la storia della partita. Non dimenticate che l’Apulia Trani è stata costruita per centrare certi obiettivi mentre la mia è la squadra più giovane della Serie C".

Francesco Ortolini è il tecnico del nuovo Crotone nato dall’assorbimento del Catanzaro. Il coach calabrese sta recitando due ruoli: insegnante di calcio e una specie di secondo padre per un gruppo di giovani ragazze innamorate del pallone."Ragazze che coltivano la loro passione senza nessun tipo di ricompensa economica. Questo è un progetto che vive dell’entusiasmo della famiglie e della voglia di imparare di un gruppo di atlete".

E anche della competenza e della generosità di un mister che ha messo a disposizione il campo della sua scuola calcio a Botricello."E dire che dopo venti anni di onorata carriera sulle panchine maschili di Promozione, Eccellenza e Serie D tutto avrei pensato meno che di occuparmi di calcio femminile".

Perchè?

"Perché non riuscivo ad abbinare le ragazze al pallone. Mi veniva più naturale avvicinarle alla danza. Invece, dopo aver accettato la proposta di dare una mano al Catanzaro Women è scattato un vero e proprio innamoramento".

Il Catanzaro lo scorso anno si è piazzato a metà classifica.

"Anche allora facevo giocare ragazze di sedici, diciotto, diciannove anni. Ed è un piacere allenarle perché ogni seduta è buona per loro per imparare qualcosa di nuovo. Hanno una passione genuina, travolgente. E tutto questo, lo ribadisco, senza prendere un euro".

Catanzaro ha tradito l’amore per il calcio di queste ragazze facendosi scappare la squadra.

"Del Catanzaro Femminile in città non è mai importato a nessuno. E’ triste dirlo ma è una sacrosanta verità. Ora a Crotone avremo alle spalle una società che nel maschile partecipa al campionato di Serie A. E questo ci trasmette forza".

TCF (1 – segue)