Hellas, il padre di Gidoni: "Vi racconto come mia figlia è arrivata all'esordio in A"

21/11/2020 - 18:20


Il padre di Virginia Gidoni, giovane centrocampista classe 2003 dell'Hellas Verona che domenica scorsa ha fatto il esordio nel campionato di Serie A contro il Sassuolo, ha raccontatao sulle colonne de "La Voce di Rovigo" i primi approcci al pallone della figlia e le sue esperienze passate. Queste le sue parole:

Mia figlia ha iniziato a giocare a calcio all’età di sei anni insieme ai maschi nelle file del San Pio X Rovigo, il nostro quartiere originario. Con il San Pio ha vinto un campionato nella categoria Pulcini e uno nella categoria Esordienti. Poi è passata alla Solesinese, sempre insieme ai ragazzi, nella categoria Giovanissimi. Il suo ultimo anno nei Giovanissimi l’ha trascorso al Duomo.”

Virginia ha sempre giocato come terzino sinistro perché è mancina, ma al tempo giocava mezzala sinistra. Da quel momento ha iniziato ad aggregarsi spesso a formazioni femminili locali come il Gordige, ma anche come la blasonata Venezia, detentrice di un titolo regionale.”

Aveva già militato nelle fila dell’Hellas Verona femminile, che allora si chiamava Agsm Verona, nella categoria Under 12. Qui la società veronese aveva manifestato il suo interesse e così, una volta raggiunta l’età minima, è passata nella formazione Primavera della società scaligera, nel 2018. Ci è rimasta subito perché è stata quasi subito promossa in Prima Squadra, dove gioca tuttora. Domenica ha esordito in campo, dopo un infortunio e la quarantena a causa di compagne positive. Oltre a giocare a Verona, lì studia anche, e vive insieme alle altre calciatrici. A Rovigo ha studiato al Paleocapa, indirizzo sportivo, ora studia allo stesso indirizzo ma in un liceo veronese.