Social TCF - Napoli, Errico: "Ci salveremo al 100%, la Nazionale è il sogno di tutte"

19/11/2020 - 13:20


Protagonista della seconda puntata di "Social Room", il nuovo appuntamento social di Tutto Calcio Femminile condotto su Instagram ogni Mercoledi dalla nostra Rossella Petrillo, la centrocampista del Napoli Femminile Emma Errico ha parlato cosi

Sei nata in Liguria ma tuo padre è della provincia di Napoli. Cosa rappresenta per te ed i tuoi la maglia azzurra, anche se non tutti siete tifosi del Napoli.

"Mamma e Papà tifano Napoli, io purtroppo no. Gli anni della scuola vedendo Kakà e Shevchenko mi hanno portata alla fede rossonera".

Nella tua carriera quale esperienza ti ha segnata di più?

"È difficile dirlo, tutte le esperienze mi hanno lasciato un qualcosa che porto con me".

Hai visto il campionato femminile cambiare e crescere. Quanto può ancora evolversi?

"Io sono partita da zero e piano piano tutto il movimento femminile sta cercando di crescere. Lo meritiamo, perché i sacrifici li facciamo anche noi. Ci riteniamo professionali, ma non siamo ancora professioniste e credo che sia l’ultimo passo per consacrare il tutto".

Il tuo motto è “lavoro e umiltà”. Quanto i tuoi valori rispecchiano la filosofia del Napoli Femminile?

"A pieno! Dal primo giorno che abbiamo iniziato il ritiro. Umiltà è la parola d’ordine che ci ha dato il Mister. Mio papà mi ha cresciuta con queste parole: lavoro e umiltà prima o poi pagano sempre e portano a risultati. Ed è quello che ricerchiamo anche noi come squadra. Sono sicura che prima o poi i risultati arriveranno".

Avete avuto un inizio di stagione difficile, ma il punto guadagnato nell’ultima giornata di campionato può considerarsi un punto di partenza per cambiare il trend negativo?

"Deve esserlo! Ci aspettano ancora due partite di campionato ed una di Coppa Italia prima della sosta natalizia. Da San Marino ci siamo dette che dobbiamo ripartire, anche con il Mister. Domenica è iniziato il nostro campionato".

Che percentuale daresti per la vostra salvezza?

"La salvezza è il nostro obiettivo da raggiungere il prima possibile. Io la do al 100% la salvezza. Il presidente Carlino potrebbe farmi una statua in questo momento".

Cosa ti porti dietro dall'esperienza con la Nazionale Under-23?

"Una bellissima esperienza. Indossare quella maglia è sempre un’emozione. L’ultima volta che l’ho indossata è stata alle Universiadi, sempre qui a Napoli ed è stato unico".

Nel tuo tuo futuro speri in una chiamata della CT Bertolini?

"È il sogno di tutte le calciatrici, altrimenti non faremmo questo mestiere".

Conosciamo tanti lati della “Errico” perché il campo parla per te, ma conosciamo poco della personalità di Emma.

"Io sono il contrario di quello che vedete in campo. Con chi ho legato di più? Ho legato con tutte perché siamo davvero una squadra unita. Più di tutte però con le mie coinquiline, Di Marino e Risina".

Un addetto divertente del dietro le quinte del Napoli Femminile?

"È un divertimento continuo, a partire dallo spogliatoio, ai preparatori, fisioterapisti, il massaggiatore. È una barzelletta tutti i giorni, ci facciamo sempre molti scherzi. È davvero un ambiente splendido. È Napoli!"