Commento TCF - Il Milan non sbaglia un colpo

19/11/2020 - 10:35


La forza di una squadra si vede nella continuità di rendimento. Nella capacità di vincere anche quando non ci sono le grandi tensioni del campionato. E’ così per il Milan di Ganz che supera di slancio l’impegno di Coppa Italia contro un generoso Cesena. Non fatevi ingannare dal risultato di 2 a 0.

In realtà la squadra rossonera avrebbe vinto con un punteggio molto più ampio se non avesse incontrato sulla sua strada Alice Pignagnoli. Il portiere romagnolo, al rientro in campo dopo la maternità, è stata la migliore in campo. Con almeno cinque-sei interventi decisivi. Il torneo cadetto ritrova con Pignagnoli un’altra protagonista.

Dicevamo tutto facile per un Milan che ha proposto in campo fin dal primo minuto la talentuosa Simic. La trequartista slava è ancora lontana dalla condizione fisica migliore ma, strada facendo, può diventare un’arma in più a disposizione di Ganz. In attacco spazio a Salvatori Rinaldi che ha sfiorato in  almeno quattro occasioni il suo primo gol stagionale.

Subito Milan. Fin dal fischio d’inizio. E subito Pignagnoli protagonista nel ribattere una conclusione ravvicinata di Dowie. Il Cesena raramente riesce ad allentare il pressing offensivo rossonero. Ci prova con Petralia, una delle più vivaci tra le bianconere. Il Milan sblocca il risultato al 29’ con il difensore Spinelli che raccoglie il cross di Kulis e realizza con potenza e precisione. La squadra di Ganz insiste. Nella prima frazione di gioco Rinaldi ha due buone opportunità per andare a segno. Nella seconda occasione, con Pignagnoli battuta, è Carlini a ribattere con il corpo.

Il tema della gara non cambia nella ripresa. Entra Giacinti al posto di una Dowie poco precisa nell’ultima stoccata. Il Milan continua a essere padrone del campo anche se, in una delle sue poche iniziative offensive, le ragazze bianconere vanno a segno dopo una mischia in area. Ma l’arbitro annulla per un discutibile fuorigioco. Il direttore di gara non ascolta neppure le proteste di Giacinti che reclama un rigore.

Ma Valentina riesce comunque a mettere la sua forma su questa partita appoggiando in rete un angolo della solita Kulis. Una che ha il piede molto educato. Finisce con il Milan a gestire il vantaggio. I rossoneri se la vedranno con l’Orobica nella sfida che stabilirà la promossa alla fase successiva di Coppa Italia. La squadra rossonera ha tre punti come l’Orobica ma partirà con due risultati a favore vista la differenza reti migliore.

TCF