Esclusiva TCF - Ag Grippo: "Milan da Champions, Fiorentina un pò bella ed incompleta"

11/01/2021 - 11:50


Seconda parte dell'intervista che Luca Grippo ha rilasciato a Tutto Calcio Femminile. L'agente della FTA fotografa anche il campionato di Serie A.

In Serie A come vedi la lotta salvezza?

"Il Napoli farà un cambio di passo con il nuovo tecnico ma i punti da recuperare sono tanti. Loro ed il Bari sono le due squadre più a rischio. San Marino e Verona rischiano di lasciare poche speranze al Napoli. L'Hellas comunque delle quattro mi sembra quella che rischierà meno perchè è più compatta nel reparto arretrato. Conta prendere pochi gol per raggiungere la salvezza".

Tra le azzurre c'è una sua assistita, la Jansen.

"E' un'ottima centrocampista che deve crescere ma ha una grande forza fisica e un'ottima visione di gioco. Può fare la differenza in futuro sia da schermo davanti alla difesa che da mezzala".

Ci sarà davvero una lotta per lo Scudetto e per la Champions?

"La Juve è ancora molto avanti, non solo negli scontri diretti ma anche nella regolarità. Anche nelle partite peggiori riesce a vincere. Il Milan sta facendo un grande campionato ma ancora è un pò distante. Per la Champions il Sassuolo mi piace molto, gioca un calcio bellissimo ma è una squadra giovane per cui per l'Europa vedo il Milan in vantaggio".

Nel frattempo si è giocata la finale della Supercoppa italiana tra Juventus e Fiorentina.

"La Fiorentina continua ad essere un pò bella ed incompleta. Questo a fronte di investimenti comunque importanti. E' stata una finale sottotono per le aspettative create da due semifinali molto belle. Juve-Roma è stata una sorta di finale anticipata visto lo stato di forma della formazione di Bavagnoli". 

C'è una calciatrice che ti ha sorpreso in positivo nella Serie A?

"Sicuramente Asia Bragonzi per età e personalità ha fatto molto bene. Ci si poteva aspettare che avrebbe potuto pagare lo scotto del salto dalle giovanili invece niente. E' la più forte della sua squadra".

In Serie B invece?

"La nostra Schioppo a Pomigliano sta facendo un campionato super, non ha sbagliato una partita. Ha sofferto la separazione dal Napoli. Lei sognava di rimanere a Napoli, è la squadra del suo cuore. Ora si sta togliendo un pò di sassolini. Poteva subire una ripercussone e decidere di chiudere con il calcio ma non è stato così, ha tenuto la testa alta e si sta giocando la promozione".

Da sempre sei a favore dell'aumento del numero delle squadre in Serie B, come successo in questa stagione. Immagino quindi non sarai d'accordo con le quattro retrocessioni ed il ritorno a dodici.

"Si pensava che aumentare il numero di squadre avrebbe comportato un abbassamento del livello. Invece come detto la Serie B è cresciuta tantissimo. Forse sarebbe stato meglio restare a 14 squadre con solo due retrocessioni. Per me anche in Serie A le squadre dovrebbero essere due in più. In alternativa, per quanto riguarda il campionato cadetto si potrebbero lasciare le quattro retrocessioni ma facendo salire le vincitrici dei quattro gironi di Serie C. Questo perchè ridurre le promozioni rischia di essere un deterrente per i presidenti negli investimenti. In Serie C perchè investire tanto con così poche possibilità di salire di categoria?"

TCF