L'inchiesta di TCF - Come affrontare la sfida del passaggio al professionismo?

06/04/2021 - 07:41


C'era una vecchia pubblicità della Rai che chiudeva lo spot con questa battuta: "Basta la parola". Il messaggio era chiaro, non c'era bisogno di tante spiegazioni. Il mondo del calcio femminile italiano ruota, in questo momento, intorno a una parola. Quale? "Professionismo", naturalmente. Piace a tutti, almeno formalmente. E' il sogno di tante giocatrici di oggi che sperano di salire in corsa su questo affascinante treno e di tante giovani che hanno appena iniziato a dare calci a un pallone e che confidano di trasformare una grande passione in un lavoro.

Tutto bello. Tutto anche comprensibile. Il problema è che la parola "professionismo" è per il momento solo un guscio vuoto. C'é un progetto che va costruito praticamente da zero. E, soprattutto, come ricordano tanti presidenti in maniera più o meno ufficiale, c'é un piano di sostenibilità che non esiste. Che è tutto da inventare.

TCF ha dato la parola ad alcuni dirigenti di società di Serie A e Serie B per capire come avvicinarsi a questo passaggio storico. Seguiteci in questi giorni. Getteremo molti "semi" che poi, dovranno in qualche modo germogliare. Apriremo la porta a un dibattito che deve iniziare prima possibile. Nessuno ha la ricetta magica da mettere in campo. Servirà il parere di tante figure di valore e servirà qualcuno che poi riassuma il tutto e indichi la strada da imboccare.

TCF