Vicenza, Kastrati: "Obiettivo salvezza, ma possiamo ancora arrivare nella Top 5"

07/04/2021 - 16:35


Edona Kastrati, giocatrice offensiva del Vicenza Femminile, si è raccontata sulle pagine di Calcio Femminile Italiano parlando dell'increscioso fatto geo-politico successo in occasione di Spagna-Kosovo, con lo stato iberico che non riconosce l'indipendenza del Paese kosovaro, e facendo inoltre il punto sulla stagione biancorossa. Queste le sue considerazioni:

Il gesto in Spagna-Kosovo? Non è stato un bell’episodio. L’ho vista come una mancanza di rispetto nei confronti dei giocatori che erano lì per disputare la gara e per un intero popolo. Sono venuta a conoscenza della questione tramite le notizie sul web e l’ho trovato abbastanza ridicolo. Ho trovato il tutto veramente ingiusto. Lo sport non deve abbassarsi a certe nefandezze. Siamo tutti uguali e sono certa del fatto che la Spagna non voleva metterci in cattiva luce col mondo intero. Quando è successo il fattaccio io mi stavo allenando quindi l’ho saputo solo diverse ore dopo. Non è stata una bella cosa da leggere.”

In questo periodo storico dovrebbe esserci una mentalità diversa. Se d’altronde la Uefa ha riconosciuto il Kosovo come una Nazione autonoma, non comprendo perché non debbano farlo anche gli altri. Io, fortunatamente, non sono mai stata discriminata per via delle mie origini o per il fatto di essere una calciatrice, ma questo episodio mi fa riflettere molto. Sì dovrebbe dare l’esempio e invece.

Sono in Italia da quando avevo cinque anni, quindi ormai vivo qui da sedici. In Italia mi trovo benissimo, per me ormai è diventata la mia seconda casa. Qui ho iniziato a giocare a pallone quando avevo sei anni con i maschietti ad Arzignano.

La stagione col Vicenza? Assieme alle nuove arrivate stiamo cercando di dare il massimo in ogni gara. Siamo un gruppo interessante, giovane e puntiamo in alto. Si respira una bellissima atmosfera qui. Ad inizio stagione ci siamo prefissati quello di salvarci. Attualmente inseguiamo ancora questo fine. In realtà ci sarebbero ancora possibilità matematiche di raggiungere la Top 5. Siamo una compagine forte e possiamo riuscirci, però restiamo coi piedi per terra concentrandoci principalmente sulla salvezza.”

Sono molto orgogliosa di me stessa per l’intesa con Yeboaa. Essere celebrati addirittura dalla Figc come coppia d’attacco più prolifica della serie cadetta è stata una grande soddisfazione. Ma il merito non soltanto mio e di Francisca, è di tutto il gruppo squadra. Noi finalizziamo e facciamo goal ma tutto parte da dietro, dal centrocampo e dalla difesa. Yeboaa ed io ci conosciamo da sette anni quindi ormai c’è una bella intesa. Abbiamo giocato insieme a Monteforte, San Bonifacio, Cittadella e ora qui a Vicenza.”