Tavagnacco, Bonanni a TCF: "Passaggio al professionismo? Il tema centrale è la sostenibilità"

08/04/2021 - 09:05


Ecco l’analisi di Domenico Bonanni, vice presidente del Tavagnacco, su quelle che sono le problematiche legate al futuro passaggio al professionismo.

"Ad oggi l’impianto normativo al quale comunque bisognerà fare riferimento e’ la legge 91 del 1981. E’ una legge di tanti anni fa, quindi e’ necessario fare molta attenzione, affinchè alcuni passaggi risultino adattabili e coerenti con uno scenario diverso. Non dimentichiamo che anche altri sport femminili, con maggior impatto in Italia in quanto a tesserate, non hanno in alcun modo iniziato questo iter proprio perche’ si tratta di una materia complessa con forti implicazioni.

La FIGC allo scopo di aiutare e semplificare i passaggi ha istituito tre tavoli di lavoro relativi a Modello Finanziario, Governance & Format e Licenze/Regolamenti, ai quali partecipano rappresentati delle societa’ di serie A e come uditori anche di societa’ di B, sotto la supervisione di una agenzia inglese che da anni si confronta con il calcio femminile professionistico. Detto dell’impianto normativo e di tutti i risvolti giuslavoristici che ne seguiranno e sui quali fino ad ora non si e’ prestata grande attenzione, è ovvio che il tema centrale rimane la sostenibilità nel tempo di questo nuovo status, che al momento beneficia solo di un modesto apporto economico triennale stabilito dall’emendamento alla Finanziaria proposto dal sen. Nannicini, per permettere alle società di muovere i primi passi con un paracadute economico. Sappiamo però da precedenti esperienze di altri settori, che in Italia è sempre difficile rifinanziare leggi adeguandole nel tempo. Questo ovviamente é un grandissimo rischio che si corre se si lavora sull’onda dell’entusiasmo, sperando poi di recuperare risorse".

TCF (2 – segue)