Milan, Korenciova: "Mi trovo molto bene in Italia, forse giocheremo la Champions a San Siro"

09/06/2021 - 12:10


Seconda parte dell'intervista che Maria Korenciova, estremo difensore del Milan Femminile e della Nazionale slovacca, ha rilasciato a "Exclusive Agent". Il portiere rossonero ha parlato cosi della Serie A e del suo futuro:

"La Serie A italiana? Il campionato italiano sta crescendo bene. Ogni anno fa grandi passi avanti ma ci vorrà del tempo prima che l’Italia possa raggiungere il livello del campionato tedesco. Per la maggior parte delle calciatrici ci sono attualmente condizioni migliori rispetto alla maggior parte dei club tedeschi, ma ci vorrà un po' prima che l'Italia raggiunga l'elite a livello di club, come si può vedere anche in Champions League, dove i club italiani non giocano ancora un ruolo così importante. Il campionato italiano è ogni anno più equilibrato e attrae giocatrici sempre più forti dall'estero, ma ha le sue specificità e la mentalità italiana non sempre può andare bene a tutti. Come nel caso del calcio maschile. Ogni paese ha il suo stile, e lo stesso vale per il calcio femminile. Il calcio italiano è sicuramente più tecnico".

"Le condizioni al Milan? Nel nostro caso le condizioni corrispondono alla dimensione del club. Certo non possiamo ancora confrontarle con gli uomini, dove le condizioni e la valutazione finanziaria sono completamente diverse, ma a Milano abbiamo un background davvero buono. Ci alleniamo nel centro sportivo, il Vismara, dove si allena tutta il Settore Giovanile, ma siccome gli allenamenti nostri sono sempre al mattino abbiamo praticamente tutto per noi. A San Siro invece abbiamo giocato contro la Juventus quest'anno. Era la prima partita della storia e l'ultimo finora. A quanto pare potremmo giocare lì la Champions League l'anno prossimo, ma resta da vedere".

"La vita in Italia? Dolce vita in Italia (ride). Sì, mi trovo molto bene qui. Buon cibo, bel tempo, c'è qualcosa di interessante ad ogni angolo per rallegrare la giornata. Ma che sia anche un idillio di lavoro e di vita, non ne sono del tutto convinta. La mentalità italiana è davvero molto diversa da quella a cui ero abituata. Penso che tornerò sicuramente qui dopo la mia carriera, ma solo per una vacanza (ride)".

"La Nazionale slovacca? La maggior parte dei giocatori della nostra nazionale gioca per club stranieri. Tuttavia, abbiamo ancora un quadro relativamente giovane che ha bisogno di tempo per maturare. Arrivare alla fase finale del torneo è il sogno di ogni singola giocatrice. Il livello delle nazionali europee è alto e continua ad avanzare".

TCF