Cortefranca, Belussi: "Felice di aver scelto questo gruppo, vincere sarebbe un'emozione"

10/06/2021 - 11:30


Elena Belussi, centrale difensivo in forza al Cortefranca, si è raccontata sulle colonne di Brescia Oggi parlando del suo percorso di carriera e della possibilità di vittoria del campionato da parte della compagine bresciana. Queste le sue dichiarazioni:

Alle elementari giocavo sempre con gli amici, ma per le ragazze l’opzione del calcio come sport non era contemplata. Mi ha visto giocare un amico dei miei genitori che allenava i maschi e mi ha proposto di provare. Non ho più smesso. In quella mia prima stagione abbiamo vinto il campionato! Non mi aspettavo di trovare così tanto spazio, mi sono inserita benissimo e ho giocato sempre. Anche se è stato solo un anno, ha lasciato il segno, ho appreso uno stile di gioco che da allora è rimasto nelle mie corde.

Nel 2011 passo al Brescia. La Prima Squadra, in A, si allenava già al Club Azzurri, ma era inevitabile che i responsabili delle giovanili mi vedessero in allenamento, ci incrociavamo sempre. Presto mi hanno proposto di unirmi alle Pulcine. Mi si è aperto un mondo, ho scoperto che tante bambine come me amavano questo sport e mi sono sentita compresa. Se prima il calcio era un passatempo, nel Brescia è diventato una vera passione.

Il passaggio al Mozzanica? Il mio allenatore era andato lì e decisi di seguirlo per crescere. Sono rimasta tre stagioni nelle Giovanissime e una in Primavera prima di tornare al Brescia dove sono ripartita in Eccellenza. E’ stato un grande cambiamento a livello calcistico e personale. Stare in campo con ragazze più grandi, di esperienza, ti dà grandi possibilità di miglioramento. E aumenta la responsabilità, non è più solo divertimento.”

Nel Brescia mi trovavo benissimo, però in una squadra serve una competizione sana, ciascuna deve potersi mettere in gioco e guadagnarsi il posto. Secondo me questo fattore, all’inizio dell’anno, è venuto meno, così ho preferito cambiare. Sono felice di aver scelto il Cortefranca, l’ambiente è bello e il gruppo forte.”

Vincere sarebbe una grande emozione. Ripagherebbe l’impegno di ciascuna di noi. Il calcio è stata una delle scelte più belle che abbia potuto fare. Mi ha regalato emozioni e lezioni di vita.”