L'analisi di TCF - Chelsea, il tridente delle meraviglie e tanto altro

13/10/2021 - 10:40


Una corazzata vera e propria quella delle Blues di Emma Hayes. La Juventus lo sa e proverà a colpirla nei punti deboli, ammesso che ce ne siano. Partiamo dall'attacco e da un tridente che metterebbe nei guai ogni linea difensiva. Sam Kerr, Fran Kirby e Pernille Harder: difficile scegliere la più forte e la più letale. Sono già 17 le reti segnate da queste tre giocatrici nelle 7 gare disputate nella stagione 2021/22.

Con 7 centri è l'australiana Kerr ad aver realizzato più reti, Harder e Kirby sono a quota 5. Velocità e tecnica le loro armi migliori, tutte e tre sono estremamente capaci di interscambiarsi con le altre due sul fronte offensivo. Hayes può contare anche sulla fuoriclasse inglese Bethany England, tre centi per lei in questo inizio di stagione, mentre la giovane Lauren James, ex United, è ancora alle prese con qualche fastidio fisico.

A centrocampo la linea è solitamente composta da quattro giocatrici: imprescindibile la presenza di Cuthbert, Fleming, Ingle, Leupolz, Bright e Reiten. Hayes ha alternato loro nella maggior parte delle sfide disputate finora. Un sigillo a testa per Reiten, Cuthbert e Fleming. Importante anche l'apporto della sudcoreana So Yun-Ji, che porta grande qualità alle Blues come dimostrato nella sfida contro il Wolfsburg dove ha fornito un assist.

La linea difensiva è solitamente composta dal capitano Magdalena Eriksson, dalla sua connazionale Jonna Andersson e dall'inglese Jessica Carter. A loro, Emma Hayes ha alternato principalmente Niamh Charles e poi in rare occasioni Fox e Nouwen, giovani rispettivamente di 18 e 22 anni. La rosa del Chelsea può contare anche su Maren Mjelde, infortunatasi al ginocchio a Marzo. La norvegese è stata convocata per la sfida contro le tedesche ma non ha fatto ancora il suo ritorno in campo. In porta la titolare è Ann-Katrin Berger, esperto portiere tedesco protagonista anche con la sua Nazionale. Hayes sceglie solitamente lei per le grandi partite come fatto contro il Wolfsburg in Champions League e contro Arsenal e United in Super League.

Marco Cicali