TJ, Bosco: "Braghin un esempio di dirigente, la Juve ha diminuito il gap con le big europee"

12/05/2022 - 18:10


L'ultimo weekend del calcio femminile ha regalato un'altra grande festa in casa Juventus Women. Le bianconere, grazie al successo contro il Sassuolo, si sono infatti laureate campionesse d'Italia per la quinta volta nella propria storia. L'apprezzato giornalista Andrea Bosco, sulle colonne di TuttoJuve, ha voluto dedicare anche alla squadra femminile e ad alcuni dei suoi protagonisti un pensiero nella sua consueta analisi settimanale:

"Stefano Braghin è l'unico dirigente della Juve degno di questo nome, è un esempio. C'era un progetto per le ragazze. I risultati si sono visti in Europa e in Italia. Braghin ha cambiato allenatore pur avendo un tecnico vincente come Guarino che aveva costruito 4 dei 5 scudetti consecutivi vinti dalle ragazze. Ha cambiato (con Montemurro) per avere più esperienza continentale. Ma soprattutto ha cambiato il progetto in vista di quel “professionismo“, destinato a mutare il volto della Serie A femminile. Oggi la Juventus di Bonansea e Girelli ha una maggiore consapevolezza anche in ambito europeo. Non sarà facile arrivare alla Coppa continentale. Il gap con le migliori ancora esiste. Ma si è assottigliato. Perché il progetto è forte. E le ragazze hanno la faccia di chi ha ancora “fame“. Non la faccia smorta della squadra maschile che gioca in pantofole."