Commento TCF - La Juve alla pari con il grande Arsenal, decidono i gol delle olandesi Beerensteyn e Miedema

24/11/2022 - 23:05


Pari con il Lione. Pari con l'Arsenal. La strada per i Quarti resta in salita per la Juventus che però ha dimostrato contro due delle squadre più forti del calcio europeo di aver trovato una sua dimensione. Di alto livello. Finisce 1 a 1. Bella partita. Con tante emozioni. Rompe l'equilibrio la squadra bianconera con Beerensteyn, pareggia Miedema. Come avevamo scritto alla vigilia le due attaccanti olandesi sono state delle grandi protagoniste. I nove mila tifosi bianconeri hanno visto ancora una volta una Juve capace di duellare con realtà che hanno valori diversi. Ma le ragazze di Montemurro non finiscono mai di stupire.

Più possesso palla per l'Arsenal nel primo tempo. La squadra inglese sfiora in almeno tre occasioni il gol del vantaggio. La conclusione di Blackstenius viene respinta dalla traversa e Peyraud-Magnin è brava a neutralizzare le conclusioni di McCabe e ancora Blackstenius. La squadra di Montemurro che propone Rosucci nel ruolo di difensore centrale parte con dieci atlete dietro la linea della palla cercando di sfruttare gli spazi che le inglesi lasciano per le ripartenze. Girelli si sacrifica abbassandosi sulla linea di centrocampo per poi cercare gli inserimenti di Beerensteyn e Bonansea. L'atteggiamento delle bianconere finisce per infastadire l'Arsenal. Che spesso è costretto a un giro palla fine a se stesso.

La Juve inizia la ripresa in maniera fulminante. Girelli protegge palla nella trequarti campo e pesca il taglio di Beeresteyn. L'accelerazione dell'olandese lascia sul posto un'avversaria. L'attaccante bianconera entra in area, temporeggia un attimo e poi deposita il pallone in rete con un diagonale imparabile. Una magia. L'Arsenal reagisce. Con classe e pazienza. Così fanno le squadre forti. E il pareggio arriva dopo nove minuti con un colpo di testa di Miedema su azione da calcio d'angolo. Brava l'olandese ma da matita rossa l'uscita sbagliata del portiere bianconero.

Nel finale di gara Montemurro si gioca la carta della freschezza inserendo le talentuose Cantore e Bonfantini. Scelta coraggiosa quella del tecnico bianconero. L'Arsenal ci prova fino alla fine. Peyraud-Magnin si riscatta con un'uscita miracolosa su Foord. La squadra bianconera tiene e porta a casa un pareggio che lascia aperta la porta alla qualificazione.

TCF